Hanno scavalcato il cancello del campo per un partita a di calcio a Is Bingias. Ma la partita è stata interrotta dall’arrivo dei carabinieri. L’episodio ieri nell’impianto sportivo del quartiere.
I residenti hanno immortalato alcuni giovani mentre giocano a calcio nell’impianto, dopo aver scavalcato le recinzioni (i campi sono chiusi). Gli stessi si sono poi dileguati a gambe levate tra i cortili  della vicina chiesa de Is Bingias, dopo l’arrivo dei carabinieri.
“Capiamo la voglia di giocare ma non è affatto tollerabile la prepotenza di chi scavalca. Se poi facessimo tutti così, con il Covid-19 che circola, contagia e miete vittime, non ne usciremmo più” afferma il Consigliere comunale (Sardegna Forte) e presidente della commissione politiche per la sicurezza Marcello Polastri. “Per ristabilire le regole nel campo de Is Bingias – prosegue Polastri – ho chiesto e ottenuto il ripristino di un cancello che  da mesi era aperto davanti  al campo, ma non è saggio e neppure tollerabile fare assembramento, giovando gomito a gomito in questi tempi dove le regole vanno rispettate da tutti, siano giocatori e non”.
L’appello di Polastri ha raggiunto anche l’assessore comunale allo sport del Comune di Cagliari, affinché sia chiaro che la volta prossima, “davanti ad una simile azione di gruppo, vengano fermate e identificate dalle forze dell’ordine tutte le persone”, specialmente capire “se abbiano agito in barba alle regole, ai cancelli, al buonsenso da rispettare dinnanzi alla sicurezza urbana e al patrimonio comunale sportivo da rispettare “.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.