Ruba una Fiat Panda davanti agli occhi del proprietario. Arrestato un 41enne di nazionalità marocchina.

E’ accaduto ieri pomeriggio quando un uomo ha richiesto l’intervento della Polizia poiché gli avevano appena rubato la macchina parcheggiata davanti alla sua attività.

Un equipaggio della Squadra Volante si è messo subito sulle tracce della Fiat Panda appena trafugata, intercettandola in viale Monastir. Il conducente, vistosi braccato dalla Volante, ha accelerato repentinamente cercando di seminare i poliziotti, invano, poiché dopo pochi metri è stato bloccato in via Contivecchi. L’uomo alla guida è stato riconosciuto e identificato per Sam Redouane, 41enne di nazionalità marocchina ben noto alle Forze di Polizia per i suoi precedenti per reati contro il patrimonio, nonché avente a carico un Ordine del Questore di Avellino ad abbandonare il territorio nazionale entro 7 giorni.

Redouane è stato tratto in arresto per il reato di furto aggravato e riaccompagnato presso il proprio domicilio in attesa dell’udienza direttissima prevista per questa mattina. Saranno poi i Poliziotti dell’Ufficio Immigrazione della Questura ad approfondire la posizione dello straniero per l’emissione di eventuali ulteriori provvedimenti.

L'articolo Cagliari, ruba una Panda sotto gli occhi del proprietario: marocchino fermato dalla polizia proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.