Rapina impropria e porto di armi od oggetti atti ad offendere, un arresto a Cagliari.

Il 18 ottobre, a Cagliari, i Carabinieri della Sezione Radiomobile hanno tratto in arresto per rapina impropria e porto di armi od oggetti atti ad offendere un 49enne del luogo, disoccupato, il quale durante la mattinata si è introdotto nel supermercato “Spazio Conad” di via San Simone, e ha prelevato generi alimentari per un valore di venticinque euro,  occultandoli all’interno dei propri indumenti;

L’uomo ha oltrepassato le casse senza pagare la merce e ha spintonato il personale addetto alla sicurezza minacciando di infettarlo poiché sieropositivo, fuggendo precipitosamente; è stato rintracciato dai militari presso il cavalcavia della vicina via Po e, alla loro vista si è liberato della refurtiva, che veniva comunque recuperata dai militari e riconsegnata agli aventi diritto.

Durante la perquisizione personale è stato trovato in possesso di un rasoio, un coltello a serramanico e due grimaldelli tipo “spadino“, che sono stati subito sequestrati. L’arrestato è stato ristretto presso le camere di sicurezza di quest’Arma a disposizione dell’A.G. per la celebrazione del rito direttissimo previsto nella mattinata odierna.

L'articolo Cagliari, ruba da “Conad” e minaccia di infettare i vigilantes: arrestato proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.