Rivoluzione al Poetto. Nuovi varchi d’accesso e via alle aree smoking per fumare all’ombra. Approvato dal Comune un progetto da 945 mila euro per la spiaggia del futuro che sarà protetta dalle cattive abitudini e dall’erosione.  I soldi sono stati chiesti alla Commissione europea che ha messo a disposizione risorse React Eu con l’obiettivo di “promuovere il superamento degli effetti della crisi nel contesto della pandemia di Covid-19 e delle sue conseguenze sociali e preparare una ripresa verde, digitale e resiliente dell’economia”.
L’intervento è finalizzato al miglioramento della qualità del Poetto, riducendo il degrado e i fattori che contribuiscono a determinarlo. La spiaggia, di notevole valore ambientale e a interesse pubblico, è un grande polo attrattivo turistico della città, ma è purtroppo soggetto a fattori di degrado causati dall’uomo e dalla natura, prima tra tutte l’erosione delle dune sabbiose.
L’intervento mira alla tutela e la valorizzazione della costa, mediante un’azione combinata di protezione e divulgazione scientifica che porti una maggiore consapevolezza delle fragilità del sistema Poetto.
“E’ necessario”, si legge nel progetto dell’assessorato al Patrimonio, “combinare la fruizione del litorale con una sua gestione consapevole, perché il suo deterioramento, inteso come scomparsa di quantitativi di sabbia o arretramento dei tratti di costa, comportano una perdita del patrimonio naturale, ma anche del settore turistico, fattore di punta dell’economia della città”.
Aree smoking free e accessi per disabili. Nel nuovo regolamento di sicurezza approvato ieri si parla anche di divieto di fumo in spiaggia. E il Comune si attrezza e pensa di realizzazione di piccole aree ombreggiate a servizio dei fumatori attrezzate con posaceneri. Con l’obiettivo di impedire l’abbandono di mozziconi nell’arenile con rilascio di sostanze inquinanti ed impedire il fumo passivo diffuso. Prevista anche la realizzazione di 4 accessi in acqua per disabili, mediante passerella attrezzata per ingresso in acqua con la carrozzina, per agevolare la fruizione del litorale del Poetto alle persone con difficoltà motorie ed aumentare l’inclusione sociale delle fasce deboli.
Le dune. Nello specifico l’intervento prevede interventi di tutela e manutenzione delle dune attraverso una chiusura perimetrale mediante corda e paletti in legno infissi con apposita cartellonistica che ne vieta il calpestio e l’abbandono di rifiuti. Con l’obiettivo di garantire il naturale ripopolamento delle piante autoctone, impedendo l’asportazione di sabbia dovuta al calpestio e riducendone la compattazione. Sì anche alla manutenzione delle protezioni già eseguite negli interventi precedenti (pulizia degli eco filtri e ripristino degli schermi frangivento) per la protezione delle dune dall’erosione e l’accrescimento dunale.
Gli accessi. Saranno modificati gli ingressi in spiaggia, realizzando l’ultimo tratto degli stessi paralleli alla linea di costa, e proteggendo gli ingressi da frangivento a scacchiera, per impedire il trasporto eolico della sabbia sulla strada. E verrà predisposta un’adeguata piazzola di deposito dei volumi di sabbia raccolti con lo spazzamento manuale sulla strada che, dopo un’adeguata caratterizzazione ambientale, saranno reimmessi in spiaggia.
La tecniche di pulizia ordinaria dell’arenile saranno più leggere e sono previste anche delle solcature davanti alle dune per proteggerle dalle mareggiate.
L’obiettivo è quello di completare l’intervento nell’estate del 2023.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.