Una pioggia di calcinacci da un palazzo di via Napoli a Cagliari manda ko una focacceria. Transenne ovunque, come si vede nel video denuncia pubblicato dal titolare, Marco Milia, e nemmeno un varco per poter passare. Succede tutto ieri sera, stando al racconto del ristoratore: “Un tecnico comunale ha messo le transenne, gli ho chiesto di poter mettere anche un tunnel ma mi ha risposto che non ne aveva più”. Una richiesta giudicata logica da Milia. Ma che non sarebbe stata accolta: “Per aprire la serranda devo saltare e non posso far entrare i miei clienti, è una cosa assurda”. Nel filmato si vede il ristoratore che, a fatica, scavalca una transenna: “E devo mettere a rischio la mia incolumità, per poi aprire e vendere, ma a chi? Devo lavorare”. Impossibile, ovviamente, piazzare anche eventuali tavolini esterni, chi si vuole accomodare dovrebbe, a sua volta, superare le transenne.“Ho chiesto che mi venisse dato almeno il foglio di chiusura, per poter essere risarcito dall’assicurazione”. Niente di niente. E, almeno sin quando l’area non sarà messa in sicurezza, poter battere scontrini, per l’uomo, sembra essere un’impresa davvero ardua.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.