La felicità per il ritorno in zona bianca è tanta. Alberto Melis, titolare di tre ristoranti a Cagliari, da oggi non dovrà più abbassare la serranda entro le diciotto. E vuole, anzi, spera di non doverla più abbassare al calar del sole per sempre. Il coprifuoco alle 23:30 “è un disagio, ma piccolo se rapportato ai danni dell’ultimo anno”. Prevenzione, questa la parola d’ordine: “Voglio più controlli contro gli assembramenti, adesso dipende davvero tutto da noi, da come ci comporteremo. Nei miei locali la sicurezza è garantita, spero anche che non ci sia tutta questa rigidità nei controlli per chi, uscendo dopo cena, dovrà tornare a casa in orario”. E, in una Marina teatro, troppe volte, di litigi e caos, quasi sempre ad opera di ragazzini, “noi faremo il possibile per controllare, ma serve davvero l’aiuto di tutti”.
“La stagione estiva, poi, è dietro l’angolo. Sposo appieno quanto chiesto dal presidente Christian Solinas. Servono tamponi e test per chiunque voglia arrivare in Sardegna. La zona bianca ce la siamo conquistata e sudata, non possiamo farcela togliere proprio ora che inizia la bella stagione”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.