Il suo è uno dei ristoranti che, nonostante la zona gialla, restano chiusi. Salvatore Cappadonna, chef titolare di un locale in viale Diaz a Cagliari, è ancora chiuso. Da due mesi, ormai. La rabbia è tanta: “Resto chiuso perchè non ho posti all’aperto, ho chiesto al Comune di mettere tavolini sul marciapiede ma è troppo stretto. Gli stalli? Siamo in una strada a scorrimento veloce, inoltre potrei al massimo metterne con 4 sedie. Il gioco non vale la candela, non posso comprare i prodotti per quattro clienti, ci rimetterei l’anima”. E, ovviamente, gli incassi sarebbero ridotti al lumicino. Dallo Stato gli aiuti sono arrivati, ma Cappadonna li giudica insufficienti: “Dodicimila euro, a fronte di perdite per trecentomila euro”.“Il sindaco Paolo Truzzu poteva darci un aiuto economico, pensare anche a chi, come noi, non può ancora tornare al lavoro. Se tutto va bene, per modo di dire, potrò tornare a lavorare solo dal primo giugno”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.