Cagliari, rientrano in Italia prima del tempo previsto con gli sbarchi degli ultimi giorni. Arrestati due algerini.

Sono arrivati in Italia con gli ultimi sbarchi avvenuti nei giorni scorsi nelle coste del Sud Sardegna, nonostante fossero già stati espulsi ad aprile 2018 e a settembre 2019.

È per questo che due uomini di nazionalità algerina, rispettivamente di 30 e 34 anni, sono stati tratti in arresto dagli investigatori della Squadra Mobile, essendo rientrati nel territorio nazionale prima dei cinque anni previsti dalla legge.

Grazie agli accertamenti dai Poliziotti dell’Ufficio Immigrazione e della Polizia Scientifica sui due algerini, compiuti presso il Compendio dell’Ex Scuola Penitenziaria di Monastir, dove, in costanza del periodo osservazione sanitaria, sono stati sottoposti alle procedure di identificazione mediante foto segnalamento e rilievi dattiloscopici, gli investigatori hanno accertato la violazione per la quale entrambi sono stati tratti in arresto.

Questa mattina si terrà l’udienza direttissima. Intanto, i Poliziotti dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Cagliari hanno già avviato le pratiche per la loro espulsione dal territorio italiano.

Foto d’archivio

 

L'articolo Cagliari, rientrano con i barchini ma erano già stati espulsi: due algerini in arresto proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.