Piazza Yenne tristemente vuota, non solo in questi giorni di pandemia, in arancione. Ma da tanti giorni, anni, forse cinque, da quando la Giunta Zedda decise di “ svuotarla” dalle aiuole e dalla fontana  e farla così diventare “rossa”, rossa dalla vergogna, il colore preferito dal centrosinistra cittadino di quel tempo, anche se era annacquato dal bianco dei “ Quattro Mori “. Era allora Gianni Chessa, assessore sardista della Giunta Zedda, che decise di smantellare fontanelle, aiuole e monumento che troneggiava al centro della piazza. Una “sistemazione provvisoria”, disse, rispondendo a chi protestava per tale scempio, “ vi daremo una piazza più moderna, più bella, più confortevole”, promisero in coro Massimo Zedda e Gianni Chessa, rispondendo ai cagliaritani delusi che avevano indotto il consigliere comunale Aurelio Lai a presentare una interrogazione.

Sarebbe bello e interessante riprendere quel discorso ( Aurelio potrebbe assumere l’iniziativa, essendo ancora consigliere comunale) per farci capire come Piazza Yenne  da simbolo di una Città ridente e vivibile sia diventata invece un luogo di tristezza e di abbandono, non solo per via della pandemia che ha tolto i tavolini e gli assembramenti, ma soprattutto per lo stato di abbandono  sotto il profilo urbanistico- ambientale-architettonico che la Giunta Zedda ha creato e che la Giunta Truzzu ha mantenuto sotto l’insegna  di “ panem et circenses “ di romana memoria. Ecco allora l’odierna invocazione “ RIDATECI  LA PIAZZA YENNE”  come era e come dovrebbe essere : il centro pulsante della Città, lo spazio ideale per famiglie e bambini, dove incontrasi , dialogare e conoscersi e i residenti poter trascorrere ore serene nelle loro abitazioni.

L'articolo “Cagliari, ridateci piazza Yenne: l’avete fatta diventare triste e rossa dalla vergogna” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.