Cagliari, quindicimila tamponi gratis effettuati e domenica si ricomincia: screening a tappeto nel capoluogo. Si è conclusa la prima giornata della campagna di screening ‘Sardi e sicuri’ a Cagliari. Nelle diciassette aree allestite per l’esecuzione dei tamponi antigenici sono stati effettuati circa 15mila test rapidi a immunofluorescenza. Sono invece attualmente in corso le verifiche per mezzo del tampone molecolare sui casi di positività rilevati.

La quarta tappa del progetto della Regione realizzato da Ares-Ats, con l’obiettivo di contrastare la diffusione del Covid-19, proseguirà e si concluderà nella giornata di domani. Con Cagliari salgono a 104 i comuni coinvolti in ‘Sardi e Sicuri’ con circa 165 test antigenici eseguiti. Nel capoluogo, l’attività di screening riprenderà dalle 8.30 alle 13 e dalle 14 alle 18. Tutti i cittadini che vorranno sottoporsi al tampone potranno farlo gratuitamente presentando tessera sanitaria e un numero di telefono cellulare a cui saranno inviate le credenziali per il ritiro del referto online. Alla Fiera della Sardegna, in concomitanza allo screening, partirà il ‘vaccine day’ per l’immunizzazione degli ultraottantenni.

L'articolo Cagliari, quindicimila tamponi gratis effettuati e domenica si ricomincia: screening a tappeto nel capoluogo proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.