Lunghe file, una media di circa 400 persone vaccinate all’ora, e polemiche legate alle troppe persone in attesa di ricevere la prima, la seconda o la terza dose del vaccino contro il Covid nell’open day vaccinale al Brotzu di Cagliari. Niente prenotazione, chi prima è arrivato prima è stato immunizzato. “Ma la fila era lunghissima e non c’erano grossi spazi per riuscire a mantenere le distanze, anche se eravamo all’aperto gli assembramenti non sono mancati”, raccontano vari lettori. “Io sono dovuta andare via, alla fine, era impossibile restare lì”, afferma una lettrice, Gabriella Ferri.E dal Brotzu, nel snocciolare le dosi, danno anche una spiegazione delle lunghe e continue file: “1163 dosi di vaccino Pfizer somministrate tra prime, seconde e terze dosi. I numeri parlano da soli”, commenta Paolo Cannas, commissario straordinario dell’Arnas, “un successo annunciato a dimostrazione di come il vaccino rimanga attualmente l’unica arma efficace per contrastare il dilagare della pandemia, che in queste ultime settimane con la variante Omicron sta facendo registrare un aumento dei positivi. Sono molto soddisfatto e orgoglioso di come la nostra azienda, pur non essendo un hub vaccinale, abbia risposto alla richiesta di collaborazione da parte del sistema sanitario regionale. Voglio ringraziare tutta la squadra dei vaccini dell’Arnas che ancora una volta sta dimostrando efficenza, organizzazione e spirito di servizio”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.