Troppo alto il rischio di assembramenti in spiaggia. “E noi dobbiamo tutelare i cittadini perché un altro lockdown non ce lo possiamo permettere”, dichiara l’assessore alle Attività Produttive Alessandro Sorgia. La decisione sarà presa dall’esecutivo comunale, ma per ora l’esponente della giunta Truzzu non esclude l’ipotesi di far pagare il ticket ai bagnanti, “probabilmente”, aggiunge, “partiremo con una fase sperimentale”.Sarà dunque un’estate diversa da tutte le altre quella per i cagliaritani che amano il Poetto. Nastri da cantiere per delimitare gli spazi, varchi e un’app per le prenotazioni. E poi la rotazione sulla spiaggia: “Tutti devono avere il diritto di andare al mare”, aggiunge Sorgia, “e dobbiamo garantire la spiaggia a tutti in qualche modo. Di sicuro stare in casa d’estate comporterebbe per molti una spesa per l’aria condizionata”. Resta infine l’incognita dei controlli. L’ipotesi è quella di coinvolgere gli stabilimenti balneari e le cooperative. “L’amministrazione non ha personale e ha poche risorse”, conclude Sorgia”, “c’è la possibilità che l’amministrazione si faccia aiutare dai volontari”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.