Piove e la zona tra via Italia, piazza Italia e via Toti diventa un immenso lago. Anche oggi il temporale ha mandato Pirri sott’acqua. Il video denuncia del consigliere della Municipalità di via Villasanta Daniele Melis documenta i disagi e i pericolo per gli abitanti della zona. Pirri ancora un fiume.“Due anni e mezzo, niente si muove sui lavori da parte del comune di Cagliari”, attacca Fabrizio Marcello, capogruppo Pd, “eppure nel 2016 sono stati approvati i progetti esecutivi per 30 milioni di euro per la mitigazione rischio idrogeologico di Pirri”.Pioggia di milioni. Oltre ai fondi Cipe destinati a Cagliari, ci sono anche le risorse messe in campo dal Comune per un totale di 40 milioni. Uno dei primi interventi dovrà adeguare la rete delle acque meteoriche. Due milioni serviranno per i due punti di criticità che sono alla base degli allagamenti degli ultimi anni. Il primo riguarda via Italia dove il collettore C38, che porta da via Italia alla zona di via Dolianova, via Sinnai e via Settimo, crea un effetto diga all’altezza di via Donori lasciando uno spazio troppo stretto per il deflusso delle acque. Un ulteriore beneficio per la zona sarà dato dal collegamento del collettore C70, che riceve le acque provenienti da Barracca Manna e dalla zona del Brotzu, con il canale di Terramaini. A disposizione anche  2,5 milioni di euro per le vasche di via Stamira e via Socrate e otto milioni per le opere di urbanizzazione di Barracca Manna. E poi ci saranno i 30 milioni di fondi ministeriali: i primi lavori partiranno alla fine dell’anno.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.