Per quindici anni è stato l’organizzatore dei mercatini dell’antiquariato, dell’hobbismo e del food in varie piazze cagliaritane, ogni domenica. Quella principale? Piazza del Carmine, ma anche piazza Giovanni XXIII. Giuseppe Cossu, per tutti Pino, è morto oggi: un brutto male se l’è portato via a settantuno anni. Lascia la moglie, Lucia, e due figli, Barbara e Luca. Una vita composta da due distinte fasi, quella del settantunenne cagliaritano. A ricordare lavori e iniziative svolte è la moglie, Lucia: “Ha fatto per tanti anni il rappresentante per le officine meccaninche”. Poi, i primi problemi di salute: “Si era ritirato dal lavoro e, per hobby, aveva iniziato ad organizzare i mercatini domenicali, arrivando a diventare il presidente di quello di piazza del Carmine”. Libri, dolci tipici sardi, vasi, lampadari, fumetti: decine di espositori hanno saputo di poter contare sull’organizzazione perfetta di Giuseppe Cossu: “Domenica arrivava presto in piazza, per ripulirla. Organizzare le bancarelle era diventata la sua più grande passione”.

 

Poi, il nuovo male: “Tre anni fa i medici gli hanno diagnosticato il cancro. Lui aveva lasciato la guida dei mercatini”, racconta la donna, che con Cossu ha condiviso oltre mezzo secolo di vita: “Eravamo sposati da cinquant’anni”. Domani, mercoledì sette ottobre, l’ultimo saluto: il funerale è alle 11 nello spazio all’aperto del cimitero di San Michele.

L'articolo Cagliari piange Pino Cossu, addio al “papà” dei mercatini di piazza del Carmine e piazza Giovanni proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.