Va avanti la battaglia delle associazioni che tutelano i genitori e i bambini seguiti al Microcitemico di Cagliari. La “rivoluzione” già approvata dalla Regione, con l’ospedale che “lascia” il Brotzu e che sarà inglobato nella nuova Asl 8, continua a non far dormire sonni tranquilli a centinaia di sardi. E la protesta, stavolta, si è spostata sotto il Consiglio regionale, in via Roma a Cagliari. Cinque le associazioni presenti (Abos onlus, Asgop onlus, Federazione rete sarda Diabete Ets-Odv, L’altra cicogna onlus e Thalassazione onlus) con qualche decina di partecipanti al seguito. “Giù le mani dal Microcitemico”, lo slogan è quello di sempre. Francesca Ziccheddu, presidentessa dell’Asgop, ricorda che “l’ospedale Microcitemico verrà accorpato a una futura Asl 8, cioè il buio più totale. Siamo stati accorpati nel 2015, iniziando un faticosissimo percorso per organizzare servizi e cure, ora viene tutto distrutto”, afferma, “è un polo pediatrico di respiro regionale. La nostra paura è che nessuno ci ha rassicurato o dato certezze sui percorsi: a quale ospedale faremo riferimento? Chi preparerà le nostre chemioterapie? I nostri bambini, se devono andare in Rianimazione, dove andranno? Abbiamo già imbastito una raccolta firme con già, oltre, settemila persone, tutte per difendere il polo”.

Un’altra manifestante, la fondatrice storica dell’Asdop e del gruppo spontaneo a difesa dell’ospedale di via Jenner, Maria Agnese Cannas, è netta: “Già dal 2007 hanno cercato di mettere le loro rapaci mani per disintegrare il Microcitemico. Abbiamo lottato, facendo assumere anestesisti pediatrici, adesso queste vittorie vengono sgretolate. Per migliorare l’assistenza ci obbligheranno ad andare fuori dalla Sardegna?”.

L'articolo Cagliari, pazienti e genitori in trincea: “Giù le mani dal Microcitemico, chi ci curerà? proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.