Protestano da mesi per le condizioni nelle quali si trovano a dover vivere nella casa dello studente di via Biasi, gli universitari. Acqua color marrone che sgorga dai rubinetti, internet ko e varie piastre per cucinare non funzionanti, questi alcuni dei propormi sottolineati anche negli ultimi giorni. E, ora, anche i crolli di pezzi di balcone. Sono gli stessi studenti e studentesse a documentarlo, con tanto di foto, inviate alla nostra redazione: “Stanotte nella casa dello studente di via Biasi alle ore 00:30 circa abbiamo sentito un boato provenire dal terzo piano: di fronte la porta finestra della camera 50 è crollato un pezzo di balcone. Il marmo sotto la porta finestra si è spaccato con l’urto”.“Dopo mesi di proteste e incontri dove segnaliamo l’inagibilità dei balconi di casa nostra, siamo arrivati al 9 gennaio 2021 con i balconi che davvero iniziano a caderci in testa”, dicono gli studenti. Il mese scorso abbiamo gettato le reti rosse che servono a segnalare il pericolo per chiedere un’ultima volta degli interventi seri, finalizzati alla messa in sicurezza della struttura e non alla mera segnalazione della possibilità del crollo. Ricordiamo inoltre che l’accesso a questi balconi inagibili è per noi studenti obbligatorio al fine di fare la raccolta differenziata, secondo ragioni di antincendio. Pertanto, continuiamo la nostra protesta fino a che non otterremo la risoluzione dei problemi che minano il nostro diritto a vivere in una casa sicura e che si possa definire tale”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.