No, non c’è stata la replica di sabato mattina. Il lunedì dell’Angelo, a Cagliari, somiglia quasi al primo lockdown di marzo 2020. Quasi: poca gente in giro, soprattutto famiglie e ciclisti, che approfittano della possibilità di svolgere attività fisica e fare pedalate prevista dal Dpcm e sono, quindi, tra i pochi a rendere un po’ “vive” le strade cagliaritane nella seconda Pasquetta blindata per colpa del virus. Controlli in piazza Yenne, al Poetto e agli ingressi-uscite della città. Ma i cagliaritani sembrano aver accettato di seguire le regole: si esce solo per comprovata necessità, la zona rossa concede poche deroghe: andare a trovare un parente o un amico è consentito una sola volta al giorno, per esempio. E dalle 22 sarà ancora coprifuoco, con ma Sardegna che torna, da domani, in zona arancione.Tra le 11 e mezzogiorno si contano, a malapena, una cinquantina di persone sin dalla rotonda di piazza San Benedetto a viale Cimitero. Piazza Repubblica è deserta, in viale Bonaria passa un bus con dentro tre passeggeri e tre auto contate nel giro si dieci minuti. Terra “fertile, oggi ancora di più, per ciclisti, runner e per chi va in segway. Sotto i portici di via Roma qualcuno sorseggia un caffè d’asporto nei pochi bar, la minoranza, che hanno deciso di aprire. E all’ombra del Bastione, su nove panchine solo una è occupata: una donna e un anziano chiacchierano, ingannando il tempo che li separa dal ritorno in zona arancione. Zero gite fuori porta, vietate. Il Coronavirus, purtroppo, ha “cancellato” la seconda Pasquetta consecutiva. 

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.