La rabbia è tanta, ed è pronta ad esplodere “ma con modi civili e senza assembramenti” domani, sabato 17 aprile 2021, dalle sedici, in piazza dei Centomila a Cagliari. Le partite Iva e i ristoratori (ma anche i titolari di palestre, piscine e giostre) fanno il bis. Dopo la protesta in piazza Garibaldi di una settimana fa, stavolta cambia solo la location. Ad organizzare l’evento, ancora una volta, è Fabio Macciò, imprenditore cagliaritano: “Vogliamo solo tornare a lavorare. Ho ricevuto adesioni da tutta la Sardegna, potremo stare in piazza dalle sedici alle venti. Avremo un palco dal quale faremo intervenire una ventina di persone. Tra loro ci saranno ristoratori, giostrai, cantanti e tanti altri lavoratori che, da mesi, si trovano a dover combattere con delle chiusure davvero pesanti”, afferma Macciò, che ringrazia “la questura per il permesso che ci è stato accordato. Rispetteremo le regole del distanziamento e siamo pronti a isolare chi potrebbe creare problemi. Siamo tutte persone civili, vogliamo solo gridare la nostra rabbia e la nostra disperazione”.

 

Il Governo ha comunque stilato una road map sulle riaperture: “Sì, ma non ci fidiamo. Da tredici mesi chi è al Governo, prima Conte e ora Draghi, ci parlano di ritorno alla normalità, ma alla fine sono sempre e solo promesse. Siamo stanchi e debilitati, vogliamo solo tornare a lavorare”.

L'articolo Cagliari, partite Iva e ristoratori pronti a invadere piazza dei Centomila: “Urleremo tutta la nostra rabbia” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.