Una “conversione temporanea” dell’ospedale Marino di Cagliari a Covid Hospital. Il motivo? La conversione dello stesso ospedale Binaghi, già deputato a diventare il nuovo Covid Hospital del capoluogo sardo. Un’operazione che presenta vantaggi ma anche svantaggi: “Nelle more della realizzazione dei posti letto dell’ospedale Binaghi, al fine di abbattere i rischi di contaminazione dei due Dea dell’area metropolitana di Cagliari, si considera l’opportunità di conversione temporanea dell’ospedale Marino in Covid”, così si legge in una delle slide proiettate durante la conferenza stampa della Regione e mostrata nel corso dell’intervento del numero uno dell’Ats Massimo Temussi. Così facendo, “Brotzu e Aou Cagliari” restererebbero “Covid Free, con l’utilizzo dei due pronto soccorso che fungono da Hub per tutta l’area metropolitana di Cagliari”.

 

Una previsione-scenario tutta da confermare. Ieri, a Casteddu Online, l’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu ha dichiarato che “speriamo di aprire in una settimana” il Binaghi come ospedale Covid. Se i tempi saranno rispettati o se non ci saranno lunghe attese, quella del Marino ospedale Covid può restare solo un’ipotesi.

L'articolo Cagliari, “ospedale Marino temporaneamente Covid per tenere ‘liberi’ Brotzu e Aou” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.