Le sedie del pronto soccorso del Brotzu? Sono ancora “vietate”: l’ingresso per gli accompagnatori di possibili nuovi pazienti dell’ospedale non è permesso per le regole anti-Coronavirus. E così, chi porta un parente o un amico bisognoso di controlli e cure, è costretto ad attendere fuori dalla porta a vetri. C’è chi rimane in piedi, chi cerca di sedersi sopra delle piccole fioriere e chi, ancora, sfrutta i sedili e l’aria condizionata dell’auto. Le proteste fioccano: “Sono qui da ormai otto ore, ho portento mio marito al pronto soccorso perché sta male e dev’essere assolutamente visitato. Non ci fanno entrare, dobbiamo attendere sotto il sole cocente”, racconta Antonella C., 55enne di Cagliari. “È assurdo che l’ospedale non abbia ancora provveduto a risolvere questo grosso disagio”. Un uomo di circa 40 anni aggiunge: “Le bestie sono trattate meglio, qui c’è il rischio che qualcuno abbia un collasso per colpa dell’afa”.

 

Ai piani alti del Brotzu, però, conoscono bene la situazione: “Comprendiamo il problema, le regole sono ancora stringenti per la sicurezza di tutti. Nei prossimi giorni prevediamo di installare un gazebo”.

L'articolo Cagliari, odissea fuori dal pronto soccorso del Brotzu: “Costretti ad attendere ore sotto il sole cocente” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.