Nuovo look, dopo decenni, per i palazzi di via La Somme a Cagliari. Nelle case popolari dietro la chiesa di San Michele arriveranno gli ascensori e un restyling di tutte le facciate, alcune delle quali versano in condizioni pietose. Ad annunciare il via ai lavori, “tra un mese”, è il sindaco Paolo Truzzu, che ha visitato i residenti delle palazzine insieme all’assessora ai Lavori pubblici Gabriella Deidda: “Un confronto anche duro, quello con gli abitanti”, confessa Truzzu. Difficile pensare il contrario, visto che i lavori sono attesi da tantissimo tempo: “Le palazzine saranno nuove e ci sarà anche un efficientamento energetico, rifaremo le facciate”, dice il sindaco. La Deidda spiega che “abbiamo fatto tutti i prospetti per il sistema fognario e gli infissi, si tratta di un nuovo look e stiamo anche valutando l’installazione di ascensori per le persone che hanno problemi di disabilità. C’è stato un po’ di ritardo perchè dovevamo trovare tutti i proprietari e sentire i loro pareri, contribuiranno alle spese di rifacimento dei palazzi”.Tempi? “Tra un mese via ai lavori, finiranno tra un anno”, promette Truzzu. “Dopo tante promesse fatte abbiamo trovato i soldi”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.