Quei soldi, 3500 euro, sequestrati dai poliziotti nella sua pescheria di piazza Michelangelo a Cagliari e nella sua abitazione, non erano stati guadagnati spacciando droga. Cade una delle accuse mosse a Nicolas Trudu, il 41enne arrestato il ventotto aprile scorso dalla polizia mentre, nella sua pescheria di piazza Michelangelo a Cagliari, stava cedendo delle dosi di hascisc a un cliente. A deciderlo è stato il tribunale del riesame. La seconda sezione penale di Cagliari, presieduta dal magistrato Simone Nespoli, ha annullato il sequestro del denaro e ha ordinato la restituzione al quarantunenne. Un accoglimento parziale delle richieste presentate dall’avvocato difensore di Trudu, Pierandrea Setzu. La questione della droga, ovviamente, rimane ancora in piedi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nicolas Trudu dovrà comunque difendersi davanti al giudice: “Il processo andrà avanti”, spiega l’avvocato Setzu, “ma non si potrà ritenere che il mio assistito fosse uno spacciatore. Si parlerà di una cessione”.

L'articolo Cagliari, non li ha guadagnati vendendo droga: restituiti i 3500 euro al pescivendolo di piazza Michelangelo proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.