Niente Casa dello Studente più grande e negozi. Sì invece a un’area verde con spazio per i cani e parcheggi liberi. Questa è la richiesta del comitato Sa Duchessa per il futuro dello sterrato di via Trentino che ora ha anche incassato il primo ok del Comune di Cagliari, col via libera bipartisan della commissione Urbanistica (presieduta da Antonello Angioni, Udc) che chiede anche una campagna di scavi archeologici.

L’area di via Trentino (circa 3 mila e 300  mq), “porta di accesso” ad uno dei principali poli universitari cittadini, si trova in totale stato di degrado e abbandono e, da diversi anni, viene utilizzata come discarica di rifiuti oltre e come parcheggio libero dai residenti e dagli studenti che frequentano l’Università.

Nei mesi scorsi i proprietari dello sterrato hanno raggiunto un accordo con l’Ersu, proprietario di una piccola porzione del terreno, per la realizzazione di un nuovo edificio con gli alloggi da destinare agli studenti (di fatto ampliando la Casa dello Studente esistente di Sa Duchessa). La struttura prevedeva la realizzazione di due piastre per usi commerciali, mentre nei due livelli interrati sarebbero stati ricavati 261 posti  auto a pagamento. Un nuovo assetto confermato (tranne le piastre commerciali) dal commissario dell’Ersu Michele Camoglio, ascoltato dalla commissione comunale Urbanistica.

La Regione, fra i progetti proposti nel Pnrr Missione 2 “Rivoluzione verde e transizione ecologica”, ha richiesto per la realizzazione dei Lavori di ampliamento della Casa dello Studente di via Trentino 22 milioni e 500 mila euro. Ma di fondi ancora non c’è traccia e l’ente per il diritto allo studio avrebbe deciso di archiviare tutta l’operazione.

Si è messo in moto intanto il “Comitato spontaneo di Sa Duchessa”, composto  dagli   abitanti   del   rione contrari alla realizzazione dell’intervento previsto dall’Ersu (circa 16 mila 500 metri cubi) che si  è rivolto anche alla commissione comunale Urbanistica il 9 agosto scorso chiedendo che l’area venga destinata a servizi di quartiere (verde pubblico con area cani e, in parte, parcheggi).

“Anche perché il rione la Vega-Sa Duchessa, è privo non solo di una piazza”, specifica la commissione, “ma anche di qualsiasi spazio di verde urbano, per cui un’ulteriore espansione edilizia, quand’anche finalizzata alla realizzazione di strutture di interesse generale, porterebbe ad una assoluta invivibilità del rione, già congestionato dal traffico (per la mancanza di parcheggi in   numerosi   palazzi) e dalla contestuale presenza di numerosi servizi, quali Facoltà Universitarie, Casa dello studente, mensa, teatro, scuole, asili. La  realizzazione del  progetto dell’Ersu (che  pare   non   possa   trovare attuazione solo per contingenti ragioni di natura finanziaria) sottrarrebbe l’uso di parcheggi   liberi   a   favore   di   quelli   a   pagamento,   rendendo   ulteriormente complicata la vivibilità quotidiana da parte dei residenti”.

La commissione dice quindi sì alla trasformazione dello sterrato di via Trentino in area verde con area cani e parcheggio libero come richiesto dai residenti. Avviando però contemporaneamente interlocuzioni finalizzate a individuare altri fabbricati o aree idonee per realizzare in città alloggi da destinare agli studenti universitari.

C’è poi il nodo archeologico. Tutta la zona, tra via Campania e viale San Vincenzo, presenta importanti testimonianze della Cultura di Monte Claro, una delle più interessanti manifestazioni   culturali della protostoria sarda del III millennio a.C., durante l’Eneolitico. Antiche sepolture sono state rintracciate tra Monte Carlo, via Basilicata, viale San Vincenzo e Sa Duchessa e un ipogeo è stato trovato anche tra via Trentino e via Molise e studi più recenti ritengono che quest’ultimo non dovrebbe essere isolato, in quanto lo sterrato che si estende tra via Trentino, il muro di recinzione degli impianti sportivi del Cus e la Casa dello Studente potrebbe ospitare altre domus funerarie, per cui gli esperti ritengono «indispensabile che l’area sia oggetto di uno scavo archeologico programmato, prima di qualsiasi decisione sulla destinazione della stessa» (così l’archeologo Stiglitz).

E la commissione ha messo nero su bianco la richiesta a sindaco e giunta di impegnarsi per avviare interlocuzioni con i proprietari dell’area (i privati e l’Ersu) per l’effettuazione, senza oneri per l’amministrazione comunale, d’intesa con la Soprintendenza, di un’indagine archeologica preliminare.

L'articolo Cagliari, no alla Casa dello studente con multipiano e negozi: “In via Trentino un giardino e parcheggi gratis” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.