Benvenuta al mondo. Si chiama Elena ed è la prima bambina nata nella nuova vasca appena inaugurata al Santissima Trinità. “Un immenso grazie a mamma e papà per aver scelto di farti nascere in acqua”, si legge nella pagina Facebook dell’ospedale di Is Mirrionis, “tutto lo staff di “Nascere al Santissima Trinità è orgoglioso ed emozionato nel darti il “Benvenuta al mondo” principessa Elena”.Il SS. Trinità si è dotato di una vasca per rendere più naturale possibile il parto per le future mamme, ampliando in questo modo la scelta delle donne al momento del travaglio su ciò che reputano più adatto per vivere un momento così straordinario. ​Il parto in acqua rende più dolce il travaglio, allevia i dolori e accompagna, senza traumi, il bambino nel suo passaggio dal canale del parto al mondo esterno.Il reparto di Ginecologia dell’ospedale cagliaritano, diretto dalla dottoressa Coccollone,  costituisce un’eccellenza nel panorama della sanità sarda e ha ricevuto per diversi anni i bollini rosa da parte dell’osservatorio Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna) come “ospedale a misura di donna”.E’ dotato di 24 posti letto ordinari e di 5 posti letto di Day Surgery sui quali ruotano oltre 2000 ricoveri l’anno, con una degenza media molto bassa e un turnover molto elevato.Da oltre 10 anni, il team dell’Unità Operativa adotta la filosofia dell’ “Ospedale Aperto”, permettendo ai familiari di stare vicino alle donne ricoverate per tutto il tempo che lo desiderano e alle mamme di entrare da subito in contatto con il nuovo nato (rooming in).

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.