Polizia di Stato di Cagliari. Minacce e umiliazioni nei confronti della coinquilina. Allontanato dalla casa famigliare l’autore dei maltrattamenti.

Nella giornata di ieri gli investigatori della Terza Sezione della Squadra Mobile hanno eseguito la misura cautelare di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento nei confronti di un uomo che da tempo maltrattava la sua coinquilina.

Il provvedimento è scaturito a seguito delle numerose denunce sporte dalla donna con le quali ha chiesto aiuto alla Polizia.

Grazie alla minuziosa attività compiuta in questi mesi dagli investigatori della Squadra Mobile, è stato accertato che le vessazioni subite dalla vittima, che consistevano in minacce, umiliazioni, fino ad arrivare anche a percosse, duravano già dallo scorso mese di luglio e che al momento dell’intervento dei poliziotti erano ancora in atto.

Accogliendo queste risultanze l’Autorità Giudiziaria ha emesso, dunque, la misura cautelare, a cui i poliziotti hanno dato immediatamente esecuzione.

Ora l’uomo non potrà più avvicinarsi a meno di 200 metri dai luoghi frequentati dalla donna e gli è stato imposto anche il divieto di non comunicare con lei in alcun modo.

L'articolo Cagliari, minaccia e picchia la coinquilina per otto mesi: uomo violento “bloccato” dalla polizia proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.