Ieri a Cagliari i carabinieri della Sezione Radiomobile della locale Compagnia hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa e ai luoghi dalla medesima frequentati, emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Cagliari nei confronti di un 47enne. L’uomo, ben conosciuto dalle forze dell’ordine, è ritenuto responsabile del reato di atti persecutori, commesso in danno dell’ex moglie 42enne. Il provvedimento cautelare odierno trae origine dalla querela presentata dalla persona offesa il 24 maggio scorso il cui contenuto ha trovato un puntuale riscontro negli accertamenti eseguiti dai militari. In particolare, è stato appurato che con abitualità l’uomo ha posto in essere atti persecutori nei confronti della donna, attraverso offese, minacce e aggressioni fisiche, con le aggravanti di aver commesso il fatto in presenza di un minore. I fatti sono stati commessi a Cagliari e Santa Margherita di Pula dal mese di luglio 2020 al 24 maggio 2021, data della denuncia. Ora l’uomo si trova sotto la lente d’ingrandimento delle autorità ed un suo perseverare in tali atteggiamenti potrebbe in breve condurlo in carcere.

L'articolo Cagliari: minacce, offese e aggressioni fisiche alla ex moglie proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.