I lavoratori della scuola civica di musica di Cagliari hanno vinto la loro battaglia. Col prossimo appalto prenderanno più soldi rispetto a quelli ricevuti negli ultimi sette mesi, cioè da quando nella struttura comunale di via Venezia è subentrata una nuova società. Dopo aver protestato davanti agli uffici dell’assessorato comunale della Pubblica Istruzione, insieme al sindacalista Luca Locci dell’Sgb, i quattro operai superstiti – uno è stato licenziato qualche mese fa – hanno avuto in incontro chiarificatore. Ad annunciarlo è lo stesso Locci: “Siamo stati ricevuti dalla dirigente della Pubblica Istruzione, Manuela Atzeni. Ci ha detto che sta già lavorando all’ppalto di agosto, quello attuale andrà in scadenza a fine luglio. Non verranno più commessi gli errori del passato, ci sarà una paga base oraria per i lavoratori, finalmente contenti. Intanto, da oggi e sino ad agosto il Comune metterà in campo altri strumenti e aiuti per aiutarli”.

 

 

“Uno stipendio di 500 euro con affitto,  luce, acqua e spese per il cibo non basta, stiamo parlando di famiglie in grossa difficoltà”, ricorda Locci. “Per l’appalto di fine luglio avremo un nuovo incontro, in modo che la procedura possa andare bene sia al Comune sia ai lavoratori. Ci rammarica l’assenza del sindaco e dell’assessora Rita Dedola, i tecnici e i  dirigenti son stati lasciati soli, così come i lavoratori, nel gestire la vertenza”.

L'articolo Cagliari, la vittoria dei lavoratori della scuola di musica: “Più soldi con il nuovo appalto” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.