“Rivendichiamo il diritto alla salute, c’è una gestione superficiale dentro l’ospedale. Infermieri, Oss e personale sono allo stremo e i malati hanno diritto a cure dignitose. Mentre in Regione si pensa a distribuire le poltrone un ospedale importante, che gestisce a livello regionale la sanità oncologica, viene lasciato morire per incuria”. A dirlo è Gianfranco Angioni, sindacalista dell’Usb, in prima linea nella protesta organizzata, fuori dall’Oncologico di Cagliari, anche dal Nursing Up e dalla Cisna. Diego Murracino aggiunge: “Siamo presenti al sit in per tutelare la vita degli infermieri, allo stremo. C’è disorganizzazione in tutti gli ospedali, servono nuove risorse e operatori a supporto. L’attuale situazione è insopportabile, chiediamo l’intervento del direttore straordinario del Brotzu e dell’assessore alla Sanità Nieddu, non ci bastano più le formulette che tirano fuori sul sistema di accreditamento”. E, come si legge nella nota firmata da Usb Sanità, Nursing Up e Cisna, “I reparti di oncologia medica  delle chirurgie e della rianimazione sono al collasso. Aspettiamo la certificazione dell’ accreditamento della Rianimazione la rivisitazione delle chirurgie. Tale situazione sta mettendo in ginocchio tutti gli ambiti organizzativi e assistenziali con gravi ripercussioni e ritardi persino sulla stesura dei turni. È necessario evidenziare che la particolarità delle patologie oncologiche trattate, necessita di personale congruo e fortemente motivato anche in considerazione dell’alto indice di mortalità, che viene a riscontrarsi nel raparto di oncologia medica da quanto ci viene riferito circa 3/4 decessi a settimana. Come è noto l’assistenza oncologica territoriale non essendo stata potenziata non può essere utilizzata da filtro, e la mancanza di strutture preposte all’accoglimento dei pazienti in fase terminale viene a sommarsi alle molteplici incombenze che gravano sull’Unità Operativa. Viste le difficoltà  che vivono quotidianamente gli operatori ci chiediamo chi a livello del presidio Businco stia gestendo gli ambiti organizzativi . È encomiabile il grande lavoro e l’enorme sacrificio portato avanti da tutti gli operatori  che quotidianamente nelle tantissime difficoltà si spendono professionalmente per garantire cure dignitose anche a fine vita. Riteniamo che non bastano più le promesse riteniamo urgente un immediata presa in carico delle problematiche che anche umanamente è oramai inaccettabile”. Angioni ricorda che “il 21 maggio ci sarà lo sciopero generale, tutti uniti. Se uno non è capace di gestire la sanità ed è pagato profumatamente, torni a casa”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.