Cagliari, gli agenti della Squadra Mobile hanno eseguito il sequestro preventivo di un appartamento in via Seruci in quanto adibito a centrale di spaccio.

Proseguono incessanti i servizi del Gruppo Falchi della Squadra Mobile della Questura di Cagliari nel quartiere San Michele, oggetto di continue segnalazioni da parte dei residenti che evidenziano occupazioni abusive di appartamenti da destinare ad attività criminali.

Già nei giorni scorsi gli investigatori hanno denunciato in stato di libertà due pregiudicati che in via Seruci n. 5 avevano adibito un appartamento occupato a fiorente centrale di spaccio, riscontrando un allaccio abusivo di corrente elettrica ed evidenti danneggiamenti alla struttura per renderla inespugnabile dalle forze dell’ordine.

A seguito dell’attività gli investigatori hanno denunciato in stato di libertà due pregiudicati cagliaritani rispettivamente di 35 e 56. 

Nella mattinata di ieri i Falchi della Squadra Mobile hanno ripristinato la legalità dando esecuzione del decreto di sequestro preventivo dell’appartamento emesso dalla Procura della Repubblica di Cagliari affidandolo al Servizio E.R.P. del Comune di Cagliari che ne murava l’ingresso in attesa della nuova assegnazione.

L'articolo Cagliari, la polizia sequestra una centrale dello spaccio in via Seruci -VIDEO proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.