L’ultima, amarissima sorpresa, è stata doppia. Mastelli dati alle fiamme sabato notte e tra martedì e mercoledì nel giardino interno del condominio di via Brotzu 7, a Mulinu Becciu. Ma i residenti del rione popolare di Cagliari sono purtroppo abituati a gesti simili, compiuti dai vandali. Due mesi fa stessa situazione, ma nella vicina via Businco. “Purtroppo sono situazioni che viviamo da tempo”, spiega Francesco Fera, che ha contattato la nostra redazione e spedito alcune fotografie. A preoccupare chi vive nelle palazzine, decine di famiglie, è il fatto che i balordi abbiano scavalcato, probabilmente, la recinzione. “E hanno vandalizzato anche le nuove panchine messe nel giardino di via Giotto. Ogni sera l’area viene chiusa, ma qualche gruppo di giovani riesce lo stesso ad entrare”. Fera precisa che “non c’è la certezza che siano stati dei giovani a dare fuoco ai mastelli, ma è ormai da mesi che sappiamo che stanno scorrazzando, ovunque, nel rione”. Che fare? “Le telecamere non penso bastino. Il Comune le ha installate al Bastione ma abbiamo visto tutti che non sono servite a nulla. Vogliamo una presenza maggiore delle forze dell’ordine, potrebbero fare più ronde per il quartiere”

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.