Fiamme nella notte in via Cornalias, nel rione cagliaritano di Is Mirrionis. Qualcuno ha cercato di incendiare un magazzino al civico 50, stando alla denuncia della titolare, Rosa Capizzo, 43 anni, commerciante. È la stessa Capizzo a denunciare il fatto con foto e video pubblicati sul suo profilo Facebook. I danni, fortunatamente, non sono ingenti. La rabbia, invece, è tanta: “Ho trovato dall’altra parte della strada l’accendino, erano almeno in due. Per fortuna una ragazza, che andrò a ringraziare, ha visto il fuoco e ha chiamato i pompieri”. Una parte della serranda è annerita, il fuoco è stato domato prima che potesse raggiungere l’interno del locale, pieno di articoli per la casa. Un disastro evitato, insomma.Ma la Capizzo è furiosa: “Mi faccio due palle così ogni giorno per lavorare, non prendo il reddito di cittadinanza. Sono commerciante sin da quando, ragazzina, vendevo frutta e verdura. Ho sbagliato anche io nella vita e ho pagato, è umano. Forse a qualcuno do fastidio perché riesco a fare il mio lavoro? Che venga a dirmelo in faccia”, dice, contattata da Casteddu Online. “Ho le telecamere, ma dentro il locale. Da oggi attiverò un sistema di sicurezza esterno”. Sono già tanti i messaggi di solidarietà ricevuti dalla commerciante sui social.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.