Sono fermi da novembre e il perché, a quanto pare, non lo sanno nemmeno loro. Sono i baristi dei bar di due grossi ospedali sardi, entrambi di Cagliari: il Brotzu e l’Oncologico. Da 4 mesi, ormai, sono a casa, tutti in cassa integrazione. E chiedono a gran voce di poter riparitre: tra loro c’è chi racconta che “con 400 euro al mese di cassa integrazione non si può vivere” e chi, più fortunato, ne riceve settecento ma è stato costretto, a trentasei anni, a farsi “aiutare e mantenere dai genitori”. La loro società, l’Artemis srl, “non fornisce nessuna risposta da mesi. Non sappiamo perché, mentre tutti gli altri bar stanno lavorando, anche quelli negli altri ospedali, al Brotzu e all’Oncologico sia tutto fermo”, spiega Silvia Dessì della Uiltucs.I lavoratori delle due caffetterie si sono dati appuntamento per una maxi protesta fuori dall’ospedale Brotzu: “I lavoratori sono ancora in attesa del Fis di luglio, agosto e settembre. Hanno poi avuto ottobre e novembre e sono in attesa di percepire dicembre. La cassa integrazione è insufficiente, sono lavoratori alla fame”. 

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.