Tra gli incivili che abbandonano i rifiuti a Cagliari e che sono stati scoperti grazie alle telecamere e ai controlli imbastiti dall’amministrazione comunale ci sono non solo “disagiati e giovani”, ma anche “stimati professionisti, professori universitari e anche chi paga la Tari”. Questi ultimi “cornuti e mazziati, da un lato pagano e dall’altro dovranno pagare anche i costi aggiuntivi della pulizia”. A dirlo, in un video pubblicato nella sua pagina ufficiale di Facebook, è il sindaco Paolo Truzzu, che traccia un bilancio della campagna “segnala chi abbandona”, in attività già da qualche mese in città: “Abbiamo pubblicato numerosi video, testimoniano che i nostri concittadini abbandonano i rifiuti in città. Ci servono a far capire che c’è un’attività di controllo e, costante, di verifica con le telecamere e con la polizia Locale” e per far notare i “comportamenti irresponsabili. Quando ci lamentiamo che la città è sporca la responsabilità è di chi la sporca e non di chi pulisce. È impossibile pensare che ad ogni angolo possa esserci qualcuno che pulisce”.“Tutto questo non ha senso”, osserva il sindaco, “se siamo i primi a comportarci in modo responsabile e attento avremo sempre meno costi per tenere la città pulita e ordinata. Dipende tutto da noi”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.