“Questa è la situazione drammatica da emergenza sanitaria del quartiere Sant’Elia. Le foto sono emblematiche del degrado in cui versano molte vie e piazze del rione. Una distesa di rifiuti senza precedenti, una puzza insopportabile a pochi metri dalle abitazioni”.Il post è di Valerio Piga, su Facebook che attacca il sindaco di destra Truzzu che “ha vinto le elezioni, proprio sulla raccolta rifiuti, promettendo cambiamenti, pulizie e telecamere. E passato quasi un anno è la situazione è disastrosa e preoccupante”.“Sant’Elia soffre di un problema di una scarsa comunicazione che è stata fatta nelle fasi di avvio del porta  a porta”, spiega Alessandro Guarracino, assessore all’Igiene del suolo, “abbiamo constatato che molte persone non sono state messe in grado svolgere attivamente il conferimento dei rifiuti perché non hanno ricevuto i mastelli o perché in alcuni casi non l’hanno presi per chissà quali remore. Ma ora”, aggiunge, “ci stiamo approcciando diversamente con un’attività di sensibilizzazione volta al coinvolgimento dei cittadini. E nel frattempo garantiamo la pulizia sistematica ogni qualvolta si presentano ci sono cumuli poco accettabili. A Sant’Elia va pianificato un intervento deciso come in via Timavo, dove i rifiuti sono spariti grazie al coinvolgimento dei cittadini”.Proprio oggi rimbalza sui social network l’iniziativa del Comune che ha messo a disposizione un numero whats app per le denunce dei “caddozzi”, di coloro che abbandonano i rifiuti in strada.“E’ un monito contro chi abbandona i rifiuti in strada”, aggiunge Guarracino, “presto però ci saranno anche comunicazioni di riconoscimento positivo per chi fa bene la differenziata a altre volte a dare informazioni sulle buone pratiche di conferimento. Con questo numero i cittadini potranno dialogare con i vigili mantenendo l’anonimato. Faciliteremo così le persone che hanno più remore. Le foto con le denunce? Quelle stanno già arrivando”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.