L’onda rosso-blu ha invaso piazza dei Centomila a Cagliari. Lo sport non c’entra nulla, però, i colori sono quelli della Cgil e della Uil, unici due sindacati che hanno organizzato e promosso lo sciopero generale contro il Governo Draghi. In piazza, le bandiere assenti sono quelle verdi della Cisl. Tra chi ha manifestato, in circa duemila, arrivati da tutta l’Isola, anziani, agenti, insegnanti, lavoratori. Nel mirino la legge di bilancio che, a detta dei manifestanti, non tutela le cosiddette fasce deboli. Anzi, o le esclude direttamente o riserva solamente briciole: “In Sardegna ci sono persone che questo mese guadagneranno 17 euro”, grida la segretaria regionale della Uil Francesca Ticca, dal palco allestito sul lato di Su Siccu. “C’è chi ha uno stipendio medio di 23mila euro l’anno, questa non può essere una manovra equa e giusta. Il mondo che rappresentiamo, deboli e disoccupati e giovani che rischiano di riprendere la valigia di cartone per girare il mondo”.Tra i più agguerriti ci sono proprio i pensionati. Nessuno scatto, nessun aumento delle pensioni nonostante gli ultimi due anni segnati dal Coronavirus. Il messaggio al Governo Draghi è stato lanciato, ora spetterà ai politici capire come placare l’ira dei sindacati e di tantissimi lavoratori.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.