Una rete di 25 km di percorsi ciclabili e pedonali. Alcuni tracciate di carattere rionale, altri in grado mettere in connessione la città coi centri dell’area vasta, con l’obiettivo di favorire e incentivare gli spostamenti pendolari attraverso i mezzi non motorizzati a due ruote. Uno di questi passerà anche in viale Marconi. L’obiettivo è quello di implementare la rete ciclabile cittadina portandola dagli attuali 40 Km di piste esistenti ad almeno 68 Km nei prossimi tre anni. E ora c’è il via libera della giunta Truzzu all’aggiornamento dei piano operativo che prevede la rete di connessioni che si snoderà lungo 5 corridoi (circa 22,3 km di nuovi percorsi), più le “Opere di rammagliatura delle piste esistenti” che aggiungeranno ulteriori 2,4 km al tracciato, portando così la realizzazione di nuove piste ciclabili complessiva a 25,3 km.

Il primo si chiama “Corridoio ciclabile Cagliari – Quartu Sant’Elena” mira ad aumentare la mobilità sostenibile dell’area urbana di Cagliari, assicurare la cucitura con la rete già esistente e la connessione con gli interventi in corso e programmati a Quartu, Monserrato, Quartucciu e Selargius. Comprende il percorso, di cui è stato impostato lo studio di fattibilità che collega piazza San Benedetto allo Svincolo di viale Marconi e fino all’Asse mediano (mt. 1.500) e da lì un secondo tratto Svincolo Viale Marconi – Asse mediano – Svincolo Is Pontis Paris (mt 1.350). “Passerà da via Marcalli a Is Ponti Paris e sarà completamente in sede protetta”, spiega l’assessore alla Mobilità Alessio Mereu.

C’è poi quello “Cagliari –Terramaini”: via Newton (viale Marconi) – via Vesalio (Parco di Terramaini) (mt. 1.100) e da via Vesalio (Parco di Terramaini) a via Flavio Gioia (mt. 1.400).

La pista “Cagliari – Monte Mixi” va da viale Poetto (via Vergine di Luc) a Piazza Repubblica, attraverso viale san Bartolomeo, via Vespucci, via Rockfeller, via della Pineta, via Pessina (mt. 3.280). Poi da Piazza Amsicora – Via dei Salinieri – via Fleming – via Is Guaddazzonis (mt. 1.800). Questo corridoio consente il rammaglio con la rete ciclabile già presente sul lungomare (sia a Cagliari che a Quartu) e si inserisce sui un eventuale collegamento ciclabile in direzione della litoranea orientale (Villasimisus), che presenta insediamenti residenziali diffusi, oltre che una elevata valenza panoramica e turistica.

C’è poi la tratta Poetto – Sant’Elia che comprende la realizzazione del seguente percorso: Marina Piccola – Sede Parco di Molentargius (attraverso via dei Tritoni – (mt. 1.850) e Calamosca – San Bartolomeo (mt. 2.100); Marina Piccola – Sant’Elia (mt 1.850).

Verranno poi effettuai gli interventi di rammagliatura interna alla rete esistente per circa 3 km, per una migliore connessione della rete complessiva con il sistema. Le piste ciclabili interesseranno via Romagna/Liguria/Campania, rammagliatura con via Is Mirrionis (esistente), rotatoria Sant’Avendrace (esistente), viale Sant’Avendrace (in progetto).

Via Sonnino, rammagliatura con via Paoli (esistente), piazza e via San Benedetto/Dante – Quartu. (corridoio 2). Rammagliatura con via Roma, Zona portuale. Via Roma e percorso ciclopedonale in ambito centro storico piazza Garibaldi, via Garibaldi, via Manno, corso Vittorio Emanuele II, viale Trento e piazza Sorcinelli. Infine via San Lucifero di connessione tra via Sonnino e via Dante.

Percorso ciclopedonale via Manno e corso Vittorio Emanuele II (piazza Yenne-via Sassari e via Sassari-Via Caprera).

“Opere di rammagliatura – Realizzazione della pista ciclabile di connessione tra il Corridoio 4 (Montemixi), il comparto del lungomare S.Elia / Parco degli Anelli e il ponte Ciclo-pedonale sul canale di Terramaini”.

L’intervento è in corso di esecuzione. Il lungomare Sant’Elia, percorso attualmente pedonale, senza limitazioni al transito della componente ciclabile. L’intervento è concluso. Rimane un tratto, strettamente connesso con la realizzazione del porticciolo della piccola pesca, i cui lavori già appaltati, sono prossimi all’avvio della fase di esecuzione. Parco degli Anelli, parco urbano attuato per 2 distinti lotti, di cui il I° già concluso, il II° in fase di progettazione. La pista di pista Terramaini, che si estende per circa 3 km, origina dal molo Ichnusa del porto di Cagliari, si sviluppa lungo il waterfront di Su Siccu, costeggia l’ambito portuale dedicato alla marina a vocazione sportiva / diporto nautico, prosegue verso il canale in riva destra idraulica e termina all’altezza del ponte di via Tramontana / via la Palma. Risulterà a breve collegata alla via Vespucci mediante un ponte ciclopedonale, attualmente in fase di esecuzione. Complessivamente il tratto in progetto si estenderà per circa 700 m, sarà di tipo pista bidirezionale contigua al marciapiede.

L’intervento garantisce l’interscambio della mobilità lenta con il trasporto pubblico, mediante la realizzazione di due velostazioni, la prima nel nodo intermodale di piazza Matteotti (dove sono presenti i capolinea Ctm , Arst, la Stazione Rfi e il futuro capolinea Arst – Metroca e la seconda in piazza Repubblica attuale capolinea Metroca. Verrà anche potenziato il bike sharing.

L'articolo Cagliari, in arrivo altri 25 km di piste ciclabili: corsia per le bici in viale Marconi proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.