Buona sera, mi chiamo Stefano Secci di Vallermosa, di professione autista Ctm. Lunedì sera verso le 20 , mio figlio quattordicenne insieme ad alcuni amici avevano deciso di andare a mangiare sushi a Cagliari. Scesio dall’autobus della linea M,zona San Benedetto  si è accorto di non avere più il portafoglio, dove teneva carta d’identità, tessera sanitaria, e tessera del Ctm, oltre a 50 € tra cui soldi anche degli amici.  Disperato mi chiama, ma io mi trovavo a lavoro e non sapevo come aiutarlo, gli ho detto di calmarsi  e che avrei chiesto in portineria al Ctm, visto che almeno documenti si possono consegnare, ( altro oggetti no per il problema covid). Dopo circa  quaranta minuti mi chiama mia moglie dicendomi che aveva ricevuto un messaggio su Messenger da una nostra paesana che vive e lavora a Cagliari, con un numero da contattare per la restituzione del portafoglio del ragazzo.  E così grazie all’onesta ‘di questo ragazzo cagliaritano, certo Franco Pintus, e a questa ragazza  di  paese  Sara  Ibba, mio figlio ha riavuto il portafoglio con tutti i documenti e tutti i soldi . Un grazie di cuore a questo ragazzo.

L'articolo “Cagliari, il portafogli con i soldi perso da mio figlio: ecco come due giovani onesti lo hanno restituito” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.