Il Comune di Cagliari dice no alla Regione, con un messaggio politico forte e chiaro. Un ordine del giorno (primo firmatario il sindaco Truzzu) chiede al Governatore Solinas e al presidente del consiglio Pais di rivedere la proposta di modifica della Città metropolitana che porterebbe l’allargamento del territorio a 72 comuni, di fatto snaturandola. Il documento è stato approvato all’unanimità (con tutti i 35 componenti del consiglio comunale presenti e votanti) assieme all’altro ordine del giorno gemello (del consigliere Matteo Massa, Progressisti”.

Il no è alla proposta di legge di riforma del sistema delle autonomie locali, attualmente in discussione in consiglio regionale. Truzzu chiede di rivedere la proposta e chiede le risorse in caso di allargamento dell’ente ad altri comuni.

“Il Consiglio comunale di Cagliari difende la Città Metropolitana e si schiera contro l’allargamento del territorio metropolitano a 72 comuni”, dichiara Massa, “che andrebbe a snaturare la filosofia dell’ente di area vasta, concepito per collimare le esigenze dei centri a ridosso del capoluogo isolano. Un atto di orgoglio e di forza politica dell’assemblea politica rappresentativa delle cagliaritane e dei cagliaritani”.

L'articolo Cagliari, il Comune contro la Regione: “Città metropolitana più grande? No grazie” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.