Il cinema teatro Alfieri cancellato dalle ruspe a Cagliari, nell’indifferenza generale se non fosse stato documentato dal video di Casteddu Online, è la più grande simbolica sconfitta della cultura di questa città. Non si può cancellare con un colpo di benna l’unico teatro nel cuore della città, almeno non senza versare qualche lacrima. Io in quel cinema piansi quando avevo 8 anni, nel vedere il film sul drago Elliott, mio padre mi portava ogni fine settimana al cinema. Era il cinema di tutti i bambini. Poi ha ospitato i più grandi attori teatrali italiani, ricordo anche uno dei concerti più belli di Paola Turci, era appena il 2003. Il cemento seppellisce i film, le vecchie pellicole, la musica, la cultura. Una palazzina al posto dei ricordi di intere generazioni. L’Alfieri come il Nuovo Cine, il Capitol, il Nuovo Odeon, il Nuovo Olimpia, il Quattro Fontane. Davvero tristissimo che il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, non abbia dedicato neanche una parola alla scomparsa definitiva del teatro a cui i cagliaritani sono più affezionati. D’altronde i politici, ci hanno abituato. A questi spettacoli.

Ricordate il precedente del Nuovo Cine, via De Gioannis, demolito per costruirci un supermercato? Ricordate il via libera della giunta Floris al progetto che ha portato poi al multisala di Santa Gilla? Di fatto Quartucciu nel cinema ha battuto Cagliari. La sconfitta dei sogni: palazzine al posto del cuore. Non è solo un pezzo di storia che se ne va. Guardate il VIDEO di come è stato buttato giù quel palco, a cui migliaia di cagliaritani erano semplicemente affezionati.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'articolo Cagliari, il cinema Alfieri demolito nel silenzio per fare spazio al cemento: la sconfitta dei sogni proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.