Il cashback del Governo? Utile per i consumatori, “una disfatta” per i titolari dei bar. Andrea Cocco, cagliaritano, è titolare di quattro bar. Tre sono all’Università di Cagliari, uno è sul mare. E, se per i locali frequentati da studenti e docenti, gli affari sono praticamente inesistenti “perchè la maggior parte delle lezioni non sono in presenza”, i dolori proseguono nell’unico bar attualmente operativo al cento per cento: “Tutti, ormai, pagano con la carta di credito o con il bancomat, è una disfatta. Ogni operazione mi costa l’1,8 per cento di commissione, alta, alle banche. Sto incassando meno”, si lamenta il barista, “e il fatturato continua a diminuire anche rispetto a quando, mesi fa, c’erano tanti pagamenti in contanti. Tutti vogliono il cashback, ma per chi gestisce un’attività commerciale è solo un’ulteriore perdita”. Chiaro il riferimento alle commissioni bancarie.E la clientela è sempre la stessa: “I clienti sono i soliti, solo che adesso, al momento del conto, aprono il portafoglio e non tirano fuori banconote o monete, ma carte di credito”. Un andazzo che, comunque, ha preso piede sin dalla scorsa estate, e che è poi stato “ingigantito” dal cashback: “Per la prima volta, nel conto trimestrale, sono andato sotto. Non mi era mai successo in trent’anni di carriera, ho anche avuto un crollo degli affari del 92 per cento”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.