Tubi “rattoppati” e mai sostituiti in via Einaudi a Cagliari. Risultato? Negozi invasi dall’acqua nel primo tratto di strada dopo via Alghero. Un problema “antico” di tre anni, stando alla denuncia dei titolari delle attività commerciali. La più furiosa è Donatella Floris: “Sto combattendo dal 2017 con Abbanoa, i tubi sono marci e vengono solo rattoppati. Sono esplosi ben quattro volte, passano sotto il marciapiede anzichè sul manto stradale I danni sono ingenti, solo quelli alle mura, vittime di infiltrazioni, raggiungono i ventimila euro, ma si parla di centinaia di migliaia di euro se si considera anche la merce, vestiti. Abbiamo messo un avvocato, vogliamo che Abbanoa ci risarcisca ma, sinora, non abbiamo visto un solo centesimo. È una situazione incresciosa, sono titolare anche di un altro locale e chi l’aveva preso in affitto se n’è andato proprio per questo problema”.E l’acqua, quando i tubi cedono, raggiunge anche il negozio di ottica di Andrea Almerighi: “Sono qui da due anni, da me l’acqua arriva un po’ dopo perchè passa attraverso i muri. Due anni fa ho registrato danni per sessantamila euro, tutta la strumentazione ottica era stata distrutta. Anche io mi sono affidato ad un avvocato, se la situazione non cambia dovrò andarmene perchè non intendo subire altri danni”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.