Cagliari si prepara a riaprire con la zona gialla ma i ristoratori che vorranno utilizzare i parcheggi delimitati dalle strisce blu dovranno pagare un euro all’ora ad Apcoa o a Parkar. Facendo due conti, tra pranzo e cena rischiano di partire te ai 7 e gli otto euro al giorno. Un mini salasso, e il Comune potrebbe avere le mani legate. Il sindaco Paolo Truzzu, infatti, lascia aperto uno spiraglio, “cercheremo una soluzione che sia meno impattante possibile dal punto di vista economico” ma ricorda, prima, che “i ristoratori dovranno mettersi d’accordo con i concessionari delle società che hanno i parcheggi. Penso che si possa trovare un accordo che soddisfi tutti ma non sono utilizzati dal Comune e non potevamo decidere noi per conto di altri. La spesa non è ancora definita”.Cosi, da lunedì aree sicure in tutte le vie con la zona 30 e con tante strade della Marina e di Stampace pedonali sino a novembre. Ma c’è, appunto, chi dovrà pagare come se stesse parcheggiano l’auto, anche se piazzerà dei tavolini: “Faremo di tutto per trovare una soluzione meno impattante possibile anche dal punto di vista economico per le attività che devono ripartire”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.