Chiusi dalle diciotto almeno sino al cinque marzo, osteggiati per anni da una parte dei residenti al grido di “no al rumore notturno” e, ora, quasi innalzati a protettori della città. I ristoratori della Marina, dopo aver letto gli articoli di Casteddu Online dove, sia alcuni loro colleghi sia, soprattutto, alcuni residenti, notavano le strade buie e i pericoli dopo le diciotto, strabuzzano gli occhi: “Ma come, per anni ci avete detto che eravamo i colpevoli del caos e, ora, dite che se fossimo aperti la sera ci sarebbe meno delinquenza?”. Un controsenso, per i titolari di locali, pub e ristoranti. Dai comitati anti-rumore ai semplici cittadini che, sin dall’imbrunire, sbottano contro le chiacchiere e i decibel in aumento.Massimo Mazzei è uno storico ristoratore della Marina: “Ho una causa aperta in tribunale contro chi aveva fatto una diffida contro il mio locale e altri dieci perchè voleva che ritirassimo i tavolini alle ventidue. Il motivo? Il troppo rumore, a detta loro. Bisogna avere una faccia tosta per sperare, ora, nella nostra riapertura alle diciotto. Sono incasinato con i miei avvocati proprio per la questione della cosiddetta malamovida. Adesso, gli stessi residenti della Marina che per anni hanno tuonato contro il frastuono proveniente da ristoranti e locali, si lamentano pesantemente per la nostra chiusura alle diciotto, dicendo che le strade sono più buie, la delinquenza dilaga, ci sono risse ovunque per la mancanza di controllo e di sicurezza che prima c’era grazie ai locali aperti? Assurdo”. Concorde anche un altro ristoratore, Marco Milia: “Abbiate pazienza, ma dov’è il rispetto reciproco? Invocare noi come guardiani è un controsenso, per anni ci hanno maltrattato, trattandoci come i principali responsabili del caos. Siamo il primo presidio di controllo ma non abbiamo competenze sulla sicurezza pubblica. Qui alla Marina serve, subito, una stazione di polizia, è assurdo che non ci sia in un rione con decine di migliaia di residenti”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.