Sarda News - L'unione delle notizie dalla Sardegna

Tra i settori più penalizzati dall’emergenza Coronavirus c’è, sicuramente, quello dei titolari e gestori di luna park. Uno dei luoghi simbolo del divertimento è totalmente fermo, e sarebbe difficile pensare una soluzione diversa: tra giochi e attrazioni, gli assembramenti non sono un rischio, ma una garanzia. Tagadà, gonfiabili e montagne russe sono riposti già da mesi nei magazzini, e la fame di chi vive facendo divertire gli altri è tanta. Gianluigi Mura, 48 anni, è a capo di una delle comitive di giostrai più numerose di Cagliari: “Tra figli, mogli e fratelli siamo in trentacinque”, afferma. Sin dall’inizio del Duemila ha allestito luna park in piazza del Carmine, piazza dei Centomila e in viale Marconi a Quartu Sant’Elena. “L’ultimo incasso è stato a dicembre, adesso siamo nel limbo. Non sappiamo quando potremo ripartire, ma la vedo grigia, anzi, nera”. Gli aiuti al Governo? “Chiesti, ma non sono arrivati ancora i 600 euro del bonus e devo capire se potrò ottenere il finanziamento-prestito da venticinquemila euro. Almeno i buoni spesa del Comune sono stati puntuali”. Ma, ovviamente, non è sufficiente per vivere.

“Il Governo non può dimenticarsi di noi. Ho parlato con altri gestori di luna park e mi è venuta un’idea: per farci lavorare si potrebbero limitare le aree, creando un parco divertimenti a numero chiuso con l’obbligo, per chi vuole entrarci, della misurazione della temperatura corporea. E, sulle attrazioni come dischi volanti e autoscontri, si possono evitare assembramenti facendo sedere una sola persona su ogni singolo disco o macchinina”. Mura è sicuro: “Abbiamo già perso numerose sagre e feste paesane, riuscivamo a farci uno stipendio. O ripartiamo a breve o per noi sarà la morte”.

L'articolo Cagliari, i giostrai disperati: “Fateci riaprire i luna park, misureremo la temperatura a tutti” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.