Sarda News - L'unione delle notizie dalla Sardegna

Un ragazzo, cane al guinzaglio in una mano, si avvicina alla transenna presidiata dalla Protezione Civile, tira fuori lo smartphone e inizia a scattare foto in verticale alla chiesa di Sant’Efisio col portone sbarrato. Dentro, l’Alter Nos ha appena iniziato a partecipare alla messa in un primo maggio 2020 surreale, a tratti triste, con la città deserta e le viuzze stampacine silenziose: “Non vedere Efisio? È un colpo al cuore, è chiaro che c’è tristezza. Certo, c’è l’emergenza Coronavirus in tutta Italia, spero che la festa si possa davvero fare più avanti, per noi è un momento importante, lo aspettiamo tutto l’anno. Dietro c’è il culto del santo di intere famiglie e generazioni”, afferma, prima di ritornare a casa col suo amico a quattro zampe.

Una ragazza scatta foto di continuo sin da quando l’Alter Nos Raffaele Onnis e il presidente dell’arciconfraternita Giancarlo Sanna svoltano da via Azuni a via Sant’Efisio. Recita preghiere a bassa voce, ogni tanto il nome di Efisio esce dalla sua bocca. Alle finestre, gli stampacini doc assistono a un primo maggio listato a lutto, dai polsini al colletto del simulacro del martire guerriero sino ad arrivare alla bandiera portata da Sanna. Domenica 3 maggio, Efisio viaggerà rapidamente da Cagliari a Nora. Niente petali, niente traccas, niente cavalli, niente launeddas, niente sirene delle navi in porto pronte a suonare al suo passaggio: l’emergenza Coronavirus ha modificato la tradizione, dopo 364 anni.

L'articolo Cagliari, i devoti di Sant’Efisio tristi dietro le transenne: “Ci manca tantissimo” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.