Loredana Monari, ex lavoratrice del porto a Radio Casteddu: “La protesta continua: abbiamo intenzione di occupare il porto”. Cartelli che parlano chiaro: sono quelli esposti durante la protesta che evidenziano tutta la disperazione dei lavoratori che da due anni lottano per il loro posto di lavoro. “Vergogna, vogliamo lavorare, non vogliamo assistenzialismo, non vogliamo essere mantenuti” recitano.“Il porto ha tante capacità, può funzionare, lo ha fatto per 20 anni ed è impossibile che adesso non possa essere più appetibile.Noi abbiamo avuto per un anno la cassa integrazione che è terminata a settembre, il 2 per l’esattezza; adesso siamo in Naspi  e dopo i primi tre mesi inizia a diminuire arrivando a zero con le  24 mensilità. Siamo persone di minimo 40/45 anni e non sappiamo più cosa fare. Abbiamo ricevuto solo promesse per farci stare zitti e non abbiamo parlato: adesso non c’è più niente da fare, nessuno parla più di noi e cosa dobbiamo fare? Per rendere il porto appetibile servirebbero anche gru nuove perché quelle attuali sono vecchie; una volta che tutto entrerebbe in funzione, le persone verrebbero a Cagliari”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.