L’sos l’ha lanciato, già da una settimana, Federfarma: tante persone arrivavano nelle farmacie per chiedere l’esito del tampone per Coronavirus. Troppi rischi, servizio sospeso sino a nuovo ordine. Il timore di contagi, ovviamente, è dettato dalla logica: se un sospetto Covid esce di casa per raggiungere la farmacia, in caso di positività potrebbe “spargere il virus” agli altri. E i farmacisti cagliaritani, da giorni, sono in trincea e, quasi come un mantra, ripetono: “Non venite a chiedere gli esiti del tampone”. In più di un caso, è bastato scambiare un paio di chiacchiere, fare qualche domanda mirata per capire di avere, al di là del bancone, un possibile positivo al virus. A raccontarlo è Luigi Schlich, farmacista di via Crispi: “Una donna, appena le abbiamo detto che doveva restare a casa, è scappata di corsa dalla farmacia. Certo, c’è timore anche se io, tra un’igienizzazione 24 ore su 24 del locale, mascherine e vetro divisorio, posso stare abbastanza tranquillo”. Ma mai dire mai: “Sono arrivate tre persone che avevano fatto il tampone per ritirare il referto, l’ho scoperto facendo qualche domanda di rito. Noi non sappiamo”, in generale, “se chi viene in farmacia a chiedere il referto sia la stessa persona che ha fatto il tampone”. Le regole sono chiare: “Dopo il tampone bisogna rispettare l’isolamento di dieci giorni”. E, sempre in generale, “seguire le regole: igienizzazione mani, distanziamento e utilizzo di mascherine corrette”.

Luigi Muru, farmacista nel Largo Carlo Felice, è netto: “In questo momento si può accedere al referto attivando la tessera sanitaria e utilizzando il fascicolo sanitario, il paziente può verificare per conto proprio il referto del Covid. Non è indispensabile venire in farmacia”, afferma, “è una questione di sicurezza, all’inizio c’è stata una situazione di caos”. Rischi per i farmacisti? “Per tutti”, afferma Muru, “certo che c’è il timore” del contagio, “noi utilizziamo tutte le precauzioni possibili. Se una persona non indossa la mascherina adatta, mette a rischio la salute di tutti gli altri. Non siamo autorizzati a rilasciare referti dei tamponi, è una posizione, la nostra, presa per una questione di tutela della salute. In un primo momento non c’erano direttive, poi è arrivata la ‘valanga’ col rischio di travolgere tutte le farmacie e, chiaramente, abbiamo chiesto una sospensione cautelativa. Non venite, delegate qualcun altro con tutta la documentazione necessaria”.

L'articolo Cagliari, farmacisti in trincea: “Non venite a chiedere gli esiti del tampone” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sardegna News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

Pizzeria da Birillo

Radio Fusion