Cagliari, esplode la movida: centinaia di giovani tra Corso e Marina, il virus non fa più paura. Sabato 6 giugno, una notte da ricordare: la voglia di “riprendersi” Cagliari, centinaia di giovani “assaltano” i locali, nel Corso quasi impossibile rispettare le distanze, pochissime mascherine e pochissimi controlli, locali e ristoranti pieni. Ma tanta allegria e gioia, voglia di fare festa e ritrovarsi dopo tre mesi di lockdown.

Un fiume di ragazzi che ha letteralmente invaso il Corso pedonale, tantissimi gruppi di amici che non si vedevano da settimane hanno affollato i tavolini dei locali, ormai tutti riaperti. Pub, bar, pizzerie, ristoranti, kebab: quasi un tutto esaurito che non si vedeva da tantissimo tempo, sicuramente mai nel 2020.

Diversi giovani avevano la mascherina ma questa notte erano in minoranza: all’aperto, come si sa, non è obbligatoria. I locali erano molto attenti alle regole, con i tavoli ben distanziati. Ma la folla e la calca in molti casi prendevano l’inevitabile sopravvento. Pochi i locali e i ristoranti ancora chiusi, anche se qualcuno- si sa- ha dovuto arrendersi. Alla Marina spuntano persino nuovi locali pronti ad aprire, persino una trattoria bielorussa a due passi da piazzetta Savoia che stanotte era strapiena di ragazzi e ragazze. Nel Video, la situazione in piazza Yenne con i tavolini gremiti e all’ingresso del Corso. Nella foto, un “assaggio” della folla che ha riempito il Corso.

L'articolo Cagliari, esplode la movida: centinaia di giovani tra Corso e Marina, il virus non fa più paura (VIDEO) proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.