Dopo la raffica di multe arriva l’ok ai tavolini nei parcheggi. Dovrebbe arrivare venerdì in commissione Attività produttive la soluzione al problema delle pedane installate nei posti auto, prima autorizzate dal Comune e quindi bloccate dopo un incidente per motivi di sicurezza. E’ prevista la retrocessione della concessione di 50 cm dal margine della carreggiata, il livellamento della pedana all’altezza del marciapiede e la realizzazione del bordo della pedana in calcestruzzo invalicabile Tutto per garantire maggior sicurezza.

Il Comune cerca di uscire dal gran pasticcio dei tavolini nei parcheggi per le auto. Prima l’autorizzazione per la concessione delle aree e l’installazione di fioriere e pedane per tavolini e sedie per le consumazioni all’aperto e poi lo stop dopo il primo incidente. Ma le pedane non sono mai state rimosse e hanno continuato a occupare i parcheggi facendo infuriare i residenti. La settimana scorsa i commercianti hanno protestato a palazzo Bacaredda. Ieri mattina un secondo incidente nel corso Vittorio Emanuele II e le nuove proteste del comitato dei residenti di Stampace e nel frattempo una raffica di multe ai titolari dei locali che non hanno mai rimosso le pedane sui parcheggi. C’è attesa ora per il via libera definitivo al provvedimento, previsto per la settimana prossima in consiglio comunale dopo il primo ok atteso per venerdì in commissione Attività produttive.

L'articolo Cagliari, dopo le multe la soluzione per i tavolini nei parcheggi: pedane tagliate di 50 centimetri proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.