Ci sono mille posti, ma solo per le cremazioni

CAGLIARI. Il cimitero monumentale di Bonaria riapre alle sepolture dopo 53 anni. Spazio per oltre mille urne, ma soltanto per le cremazioni. Le manifestazioni di interesse saranno accolte nei prossimi giorni. Il via libera è stato reso possibile grazie al restauro di 224 colombari curato dal Comune di Cagliari e Soprintendenza.

La riapertura è stata annunciata oggi 29 novembre nel corso di una conferenza stampa: presenti tra gli altri le assessore ai Lavori pubblici e ai Servizi cimiteriali Gabriella Deidda e Rita Dedola. «Una novità - hanno spiegato - che rientra nel progetto di valorizzazione del cimitero. Ci siamo resi conto che quello di Bonaria era l'unico monumentale senza sepolture». E la frequentazione del cimitero, dopo lo stop del 1968, è andata via via diminuendo. Con conseguenze inevitabili: abbandono e degrado. Da qualche anno, però, è in corso un processo di valorizzazione del cimitero. Decisivo il restauro dei colombari e di undici cappelle con un intervento da oltre un milione di euro.

Si prevede una corsa alle concessioni perché Bonaria è considerato un pezzo importante della storia di Cagliari: i costi dei cinerari familiari vanno da circa 2500 euro per quattro urne a 4800 per sei. Durata sessant'anni. La cremazione non è più un tabù: si registra una crescita di richieste del venticinque per cento. Le condizioni: occorre un preventivo consenso alla cremazione e il beneficiario della concessione deve essere residente a Cagliari. La prima sepoltura risale al 1829. Poi nel 1968 c'era stato lo stop. Ora la ripresa. (Ansa).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.